Vene varicose: i rimedi

Le vene varicose sono un problema che riguarda soprattutto le gambe delle donne: la comparsa delle varici viene vissuta da molte persone come un vero e proprio dramma estetico, ma al di là di questo vengono mal sopportati gli effetti che possono portare (caviglie e gambe gonfie o stanche, formicolii, crampi muscolari, freddo costante e così via); appare quindi molto importante conoscere quali possono essere i rimedi per contrastare le vene varicose.

Cosa fare e cosa non fare

I rimedi possono essere di vario tipo: ci sono le cure farmacologiche, i rimedi naturali, i trattamenti medici, la correzione di alcuni comportamenti e dell’alimentazione. Cominciamo proprio da quest’ultimo aspetto e cerchiamo di capire cosa si deve fare e cosa non si deve fare. Innanzi tutto bisogna cercare di mantenere il peso ideale (il sovrappeso può causare una degenerazione dei sintomi), poi bisogna praticare con regolarità dell’attività fisica (evitando magari quelle discipline che richiedono movimenti bruschi e scatti) in modo da favorire la circolazione. Può essere molto utile anche rialzare il letto nella zona dei piedi ed indossare calze o bende a compressione graduata per evitare che il sangue ristagni nei capillari. Sono tante le cose che invece bisognerebbe evitare di fare:

  • stare troppo tempo in piedi
  • indossare abiti e abbigliamento intimo troppo stretti
  • indossare troppo spesso scarpe con i tacchi alti
  • fumare
  • esporsi troppo al sole o stare troppo a lungo in luoghi caldi
  • sedersi con legambe incrociate.

Le vene varicose si combattono anche con l’alimentazione, seguendo una dieta ipocalorica e bevendo molti liquidi, soprattutto se si è in sovrappeso; bisogna mangiare tanta frutta e verdura, cibi ricchi di vitamina C e quelli di colore viola o blu scuro. Da evitare invece i cibi di difficile digestione (ad esempio alimenti ricchi di grassi e i fritti) e va moderato il consumo di alcolici e di alimenti ricchi di caffeina.

I trattamenti farmacologici e i rimedi naturali contro le vene varicose

Per quanto riguarda le cure farmacologiche, le vene varicose possono essere trattate con i farmaci flebotonici (migliorano il tono della parete venosa, con conseguente riduzione del senso di pesantezza alle gambe), profibrinolinolitici (sciolgono gli accumuli di fibrina che si sono raccolti nelle varici) e anticoagulanti (migliorano la circolazione) e con la scleroterapia. Se la situazione è abbastanza grave o se ci sono dei seri rischi di complicanze bisognerà intervenire chirurgicamente: l’operazione consiste in una rimozione del tratto venoso malato e il ricongiungimento dei tratti prima e dopo l’escissione.

Esistono anche dei rimedi naturali che mirano soprattutto alla riduzione degli inestetismi causati dalle varici; solitamente vengono consigliate le creme o gli impacchi che contengono principi attivi ideali per proteggere e sviluppare la rete capillare; i principi attivi si possono assumere anche in forma di opercoli o compresse e possono affiancare la cura farmacologica (ovviamente dopo aver sentito il parere del medico) Possono risultare utili il pungitopo, la vite rossa, l’ippocastano e la centella asiatica.