Menopausa e vene varicose

Ogni donna superati i 45 anni entra nel cosiddetto periodo della menopausa. Alcune prima di altre si trovano ad affrontare con preoccupazione i cambiamenti del loro corpo, che però fanno parte con normalità del ciclo della vita di ogni donna.

L’arrivo della menopausa o climaterio, il periodo dove finisce la produzione ovarica e il periodo fertile, comporta elevati sbalzi ormonali che stanno alla causa delle problematiche e trasformazioni del corpo in questo periodo.

Gli squilibri ormonali comportano un aumento di peso, l’indebolimento dei capelli, l’aumento dei rischi cardiovascolari e sintomi caratteristici dell’insufficienza venosa, ma non bisogna spaventarsi!

Se non avete mai sofferto di vene varicose è giusto sapere che nel climaterio è normale che esse si presentino.

Prima di tutto, cosa sono le vene varicose? I primi sintomi tipici di questo disturbo sono gonfiore alla gambe, cellulite, formicolio, pesantezza, successivamente e con l’aumentare della patologia le vene potrebbero ingrossarsi assumendo un aspetto tortuoso, grumoso e di colore bluastro.

L’insufficienza venosa cronica è dovuta all’irrigidimento delle vene superficiali, che perdono la loro composizione ed elasticità naturale, e all’aumento del lavoro che esse devono compiere per rimandare il sangue al cuore sfidando la legge di gravita. Per questo motivo le valvole delle vene vanno in contro ad un mal funzionamento con un conseguente flusso sanguigno minore. Parlando solitamente di vene superficiali non bisogna preoccuparsi, poiché sono facile da rimuovere e comunque togliendo queste vene non si andrebbe in contro al rischio di peggiorare la circolazione di cui se ne occupano principalmente le vene profonde.

Come curare le vene varicose? Le vene varicose sono una condizione comune nelle donne di qualsiasi età  e oggi giorno sono molti i rimedi per combattere questa patologia.

Molto utilizzato per togliere le vene varicose è il laser, poichè è meno invasivo di altri interventi chirurgici come la legatura e lo stripping.

Se volete evitare interventi di questi tipi o comunque volete prevenire la comparsa di questa problematica sarà necessario cercare di attuare uno stile di vita sano con dei piccoli accorgimenti:

  • Mangiare sano, evitando grassi, sali e zuccheri.
  • Bere molto, almeno 2 litri di acqua al giorno per idratare al meglio il proprio corpo e facilitare la riduzione delle tossine e della ritenzione idrica.
  • Fare attività fisica per aiutare la circolazione, almeno camminare per 30 minuti al giorno.
  • Evitare cattive abitudini come fumare e bere alcool.
  • Bere tisane che aiutano la circolazione come quella alla centella asiatica o al tè verde.

È sempre bene ricordare che, nel caso i fastidi e le problematiche correlate alla comparsa di sintomi riguardanti le vene varicose dovessero aumentare o rimanere costanti nel tempo sarà necessario recarsi da un medico specialista.