Vene varicose Stop

Le vene varicose,o varici, sono un problema molto comune che colpisce soprattutto le donne (ma anche alcuni uomini ne soffrono); dal punto di vista medico vengono definite come delle dilatazioni abnormi e sacculari delle vene e normalmente fanno la loro comparsa sugli arti inferiori. Di seguito è presente un piccolo approfondimento sulle vene varicose, in cui cerchiamo di scoprire cosa sono, quali sono le cause ed i metodi per prevenirle e curarle.

Cosa sono e perché vengono le vene varicose

Le vene varicose sono una vera e propria malattia che può essere originata da diversi fattori, che è necessario individuare per riuscire a contrastarle. Esse sono una dilatazione di tipo patologico, permanente, di una vena con una modifica regressiva delle pareti venose. Questa dilatazione può comparire su una zona specifica, con minimo una parte di nodosità, o può essere diffusa. La reale causa delle vene varicose non è del tutto chiara, anche se è opinione comune che il tutto nasca da un’anomalia nella parete venosa e in particolare da una mancanza di collagene ed elastina.

Le cause ed i fattori di rischio

Le vene varicose possono essere causate da vari fattori, che è necessario individuare per riuscire ad eliminare questo fastidioso problema. Vediamo di seguito quelle che sono le principali cause che favoriscono l’insorgere della malattia varicosa:

  • Ereditarietà, (si sviluppa, spesso, in figli di persone che già ne soffrono),
  • Sesso, (le vene varicose sono più frequenti nelle donne),
  • Gravidanza, (a causa di cambiamenti ormonali),
  • Età, (è provato che è più facile che si presentino con l’avanzare degli anni),
  • Problemi di postura (causa una maggiore pressione sanguigna),
  • Stare in piedi per molte ore al giorno,
  • Sovrappeso ed obesità,
  • Temperature ambientali elevate (il caldo aumenta la vasodilatazione),

Per approfondimenti puoi leggere: vene varicose, tutte le cause.

Tipologie di vene varicose

Solitamente le vene varicose vengono classificate in base alla causa o al tipo di vene che vengono interessate dal problema; vediamo di seguito le due classificazioni principali:

la prima classificazione distingue:

L’altra classificazione invece prevede quattro categorie, ossia:

  • le varici tronculari, ovvero quelle che coinvolgono la Safena (il grande vaso sanguigno superficiale che attraversa l’intera gamba),
  • le varici reticolate, riguardano solo i rami della Safena,
  • le microvarici, coinvolgono la parte terminale delle vene
  • e le varici del derma, quelle più piccole e più lontane dalle vene principali.

I sintomi

La comparsa delle vene varicose, spesso, non è accompagnata da sintomi. Il sintomo estetico che viene riscontrato da molte donne è la gibbosità causata dalle vene che iniziano a sporgere. Può capitare, però, che in caso di complicanze si manifestino problemi come pesantezza delle gambe, magari con edema nei pressi del malleolo, oppure prurito e arrossamento dell’area interessata dalle varici. In alcuni casi è possibile che si sviluppino flebite superficiale oppure emorragie dovute a rotture della vena. Bisogna considerare anche che i tessuti che vengono coinvolti da questo problema sono molto sensibili, quindi si possono presentare infezioni o ferite. Per comprendere al meglio la sintomatologia delle varici, abbiamo realizzato una guida dettagliata che puoi trovare qui: vene varicose, i sintomi.

I pericoli

Le vene varicose sono una vera e propria malattia, che porta con se una serie di rischi da cui non è possibile distogliere l’attenzione se non si vuole incorrere in spiacevoli conseguenze. Di seguito, abbiamo raccolto quelli che sono i maggiori pericoli della malattia varicosa, nel momento in cui tende a peggiorare e non viene curata in modo adeguato:

I rimedi e la prevenzione

Visto che esistono seri pericoli collegati alle vene varicose, risulta fondamentale riuscire ad eliminarle mediante trattamenti specifici e contrastarne l’insorgenza con l’attuazione di metodi preventivi. Per quanto riguarda i rimedi, può essere fatta una distinzione tra:

  • Trattamento farmacologico: vengono utilizzati prodotti specifici che favoriscono l’attività anticoagulante, che contrasta la formazione delle vene varicose.
  • Trattamento chirurgico: esistono vari tipi di interventi che permettono la rimozione delle varici, tra cui: la Crossectomia, la Laserterapia, lo Stripping e la Scleroterapia.
  • Altri trattamenti: il problema delle vene varicose può essere contrastato con trattamenti di vario genere, come, ad esempio, l’utilizzo di calze e bende.

Per fornire maggiori informazioni su questo argomento, abbiamo realizzato un approfondimento sui rimedi delle vene varicose.

Come per ogni tipo di problema, anche per la malattia varicosa risulta fondamentale la prevenzione: tenere il peso sotto controllo ed evitare di stare troppe ore consecutive in piedi rappresentano due buoni punti di partenza; altri consigli sono quello di camminare per un’ora al giorno, evitare di esporsi a lungo al caldo e dormire mantenendo i piedi più in alto rispetto alla testa. Leggi qui l’approfondimento sui metodi per prevenire le vene varicose.